Promuovere il confronto internazionale sul tema della sicurezza

Le attività finalizzate alla promozione del confronto a livello internazionale si sono focalizzate, in primo luogo, su una analisi dei provvedimenti vigenti in altri Paesi con riferimento agli elementi che costituiscono il fulcro della Legge 24/2017 (sicurezza del paziente, responsabilità professionale).

Una legge che, come rilevato grazie alla mappatura realizzata, costituisce uno dei rari esempi di politica sanitaria in linea con le principali indicazioni internazionali.

L’Osservatorio, inoltre, intende promuovere l’adesione di Regioni e Province Autonome alle iniziative messe in atto a livello internazionale per il miglioramento della sicurezza del paziente, prima fra tutte la Campagna “Medication without harm”, lanciata nel 2017 dall’OMS con l’obiettivo di ridurre del 50%, nell’arco di 5 anni, i danni evitabili connessi all’utilizzo dei farmaci. È stata, anzitutto, effettuata una ricerca sul database delle buone pratiche di AGENAS per rilevare se il tema fosse già stato affrontato negli anni precedenti l’avvio della campagna. Successivamente, attraverso la Call delle buone pratiche è stata promossa la segnalazione di interventi in linea con una delle tre aree su cui si focalizza la campagna OMS. L’incremento nel numero di esperienze che affrontano il tema della sicurezza nella terapia farmacologica (47 del 2018 contro le 28  riferite al triennio precedente), testimonia il raggiungimento dell’obiettivo aumentare la consapevolezza, da parte dei professionisti italiani, verso il tema della sicurezza nell’utilizzo dei farmaci.

Sempre nell’ottica di favorire il confronto sul tema della sicurezza, l’Osservatorio ha realizzato una rassegna dei principali flussi di dati inerenti la sicurezza del paziente trasmessi alle organizzazioni internazionali, un importante lavoro di sistematizzazione che pone le basi per l’elaborazione del  “passaporto italiano della sicurezza”, ovvero un core set di indicatori utili per il confronto tra Paesi sul tema della patient safety.

News

Selezione società scientifiche ai sensi dell’art. 2 comma 3 del DM 29.09.2017

L’Osservatorio nazionale delle buone pratiche sulla sicurezza nella sanità, previo avviso pubblico, ha selezionato le società scientifiche e associazioni tecnico scientifiche ai sensi dell’art. 2 comma 3 del DM 29.07.2017. di cui potrà avvalersi per l’individuazione delle misure per la prevenzione e la gestione del rischio sanitario, e per il monitoraggio delle buone pratiche per la sicurezza delle cure.

Leggi tutto...

Selezione società scientifiche - Aggiornamento elenco

Riaprono i termini - entro il 15 ottobre 2021 - per le società scientifiche e associazioni tecnico-scientifiche, che vogliano candidarsi per collaborare con l’Osservatorio nazionale delle buone pratiche sulla sicurezza nella sanità. 

Leggi tutto...

Avvio della Call for Good Practice 2021 - Tredicesima edizione

La nuova Call Buone Pratiche, attiva dal 3 giugno 2021 al 3 settembre 2021 (ultima data utile per l'inserimento), ha quale oggetto la valorizzazione delle esperienze di informatizzazione della documentazione clinica, che abbiano prodotto risultati concreti e misurabili nel miglioramento della sicurezza delle cure nei seguenti ambiti assistenziali:
- ricovero ospedaliero (incluso Pronto soccorso);
- assistenza territoriale;
- telemedicina.

Leggi tutto...

Il Covid-19 al centro della Call delle buone pratiche 2020

La finalità è quella di condividere, diffondere e mettere a disposizione di tutte le Regioni e PA e di tutti gli attori del SSN le esperienze potenzialmente replicabili, nonché conoscenze e soluzioni utili a fronteggiare l'epidemia di covid-19.

Buone pratiche per prevenire la violenza sugli operatori e le infezioni correlate all’assistenza

Disponibili online due volumi che raccolgono le buone pratiche trasmesse nel corso delle ultime Call for Good Practice:

Leggi tutto...

Torna all'inizio del contenuto